Leucemia Felina (FeLV): come aiuto il mio gatto?

leucemia felina

Cari proprietari (di gatti) oggi voglio parlarvi di una malattia che terrorizza tutti voi e cioè la leucemia felina abbreviata nella famosa sigla FeLV.

Che cos’è la leucemia felina?

La leucemia felina non è come si pensa una malattia tumorale ma una malattia infettiva contagiosa provocata da un retrovirus che infetta i gatti. Il virus va a portare a uno stato di immunodepressione generalizzata e quindi una maggior predisposizione del gatto a sviluppare infezioni in vari distretti. Inoltre provoca infezione primaria delle cellule staminali emopoietiche (le cellule contenute nel midollo osseo che producono i globuli rossi) provocando l’anemia non rigenerativa tipica della FeLV.

Quali sono i sintomi della leucemia felina?

Purtroppo questa malattia non crea sintomi caratteristici. Nel momento in cui il virus si manifesta (può rimanere anni in forma quiescente all’interno del gatto) provoca un decadimento generale delle condizioni di salute, i sintomi possono essere i più vari, i più frequenti sono:

  • Perdita di peso,
  • Febbre,
  • Disidratazione,
  • Rinite,
  • Diarrea,
  • Congiuntivite,
  • Infezioni orali,
  • Aumento di volume dei linfonodi
  • Sono predisposti a sviluppare linfoma.

Solitamente la leucemia si manifesta con una grave anemia non rigenerativa macrocitica normocromica che può portare il gatto a morte anche in pochi giorni senza necessariamente aver mostrato gli altri sintomi.

leucemia felina

Come si trasmette la leucemia felina?

I gatti si passano il virus tra loro attraverso la saliva, il leccamento, il morso, la cassetta dei bisogni o ciotola del cibo usata da un gatto infetto (occorrenza rara) e attraverso il latte durante l’allattamento. La trasmissione infatti può avvenire anche da una madre infetta ai suoi cuccioli, prima della nascita, durante la gravidanza, o durante l’allattamento. I gatti giovani sotto gli otto mesi di età sono più sensibili all’infezione mentre con l’aumentare dell’età diventano più resistenti.

Quanto sopravvive il virus FeLV nell’ambiente?

Anche se non c’è la certezza assoluta si pensa che possa sopravvivere solo 2 ore in un ambiente secco, e circa 48 ore in un ambiente umido (quale una cassetta dei bisogni). In assenza di studi significativi sulla sopravvivenza del virus FeLV nell’ambiente è bene tenere come punto di riferimento dalla 2 alle 48 ore in ogni situazione climatica.

 




 

Come si fa diagnosi di leucemia felina?

Esistono sostanzialmente due test.

  • Il test ELISA (quello rapido che fa il veterinario) che rileva il virus presente nel plasma e in alcuni casi dopo settimane o mesi il gatto si può negativizzare. Può dare anche dei falsi positivi.
  • Il test IFA su midollo (fatto da laboratori specializzati) indica che il gatto ha il virus già a livello di midollo e a questo punto la negativizzazione è quasi impossibile e il gatto sarà persistentemente infetto.

Tutti questi test non sono affidabili al 100%. Il test ELISA per la sua velocità è preferibile per lo screening di base. L’IFA si preferisce usarlo come test di conferma su un risultato ELISA dubbio o da verificare.

Il vaccino non ha influenza sui test in quanto questi ultimi ricercano gli antigeni virali non gli anticorpi (che produce il gatto in seguito al vaccino).

leucemia felina

Se il vostro gatto è positivo alla leucemia felina muore sicuramente?

Non è detto. Circa lo 0.5% dei gatti domestici è persistentemente infetto da FeLV, ma molti più gatti domestici (>35%) hanno anticorpi IgG specifici che indicano una precedente esposizione e successivo sviluppo di immunità invece dell’infezione.

I cuccioli possono nascere con la malattia, avendola contratta dalla madre in utero. L’infezione è molto maggiore nei gatti di città, di colonia o di gattile che nei gatti di campagna: ciò è dovuto interamente alla quantità di contatti che i gatti hanno l’uno con l’altro.

La malattia ha un ampio spettro di effetti. Il gatto può combattere l’infezione e diventare totalmente immune, può diventare un portatore sano che non si ammala mai lui stesso ma può infettare altri gatti, un caso intermedio in cui il gatto ha un sistema immunitario compromesso.

 




 

Se il vostro gatto ha la FeLV esistono terapie che possano aiutarlo?

Innanzitutto essendo potenzialmente esposto a molte patologie secondarie e a una maggior incidenza di linfoma il gatto FeLV positivio va controllato molto attentamente tramite ceck-up della salute ogni 6 mesi/1 anno. Nessun sintomo va sottovalutato e qualsiasi malessere va prontamente curato e tenuto sottocontrollo.

Eisistono poi dei trattamenti immunomodulanti e antivirali che devono accompagnare la vita del gatto FeLV positivo nell’intento di posticipare l’insorgenza della leucemia.

Esiste il vaccino per la leucemia felina?

Si ma bisogna ricordare che il vaccino non è efficace al 100% e  per prevenire l’infezione evitare il contatto con i gatti infetti è la prima cosa. La decisione di vaccinare un singolo gatto contro questo virus deve basarsi sull’età del soggetto e sul suo rischio di esposizione. Prima di vaccinare, è necessario eseguire il test per la FeLV: se risulta positivo, non deve essere vaccinato e deve essere allontanato dagli altri gatti. In caso negativo, il gatto può essere vaccinato e il richiamo sarà annuale, preceduto sempre dal test.

Come si può fare prevenzione per la leucemia felina?

Fondamentalmente la prevenzione si basa sull’utilizzo del vaccino nei gatti sani a rischio contagio (allevamenti, colonie) associato all’isolamento dei gatti infetti.

 




 

Cari Proprietari, se vi è piaciuto l’articolo lasciate un mi piace e condividetelo!

Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria e sul mio profilo Instagram amica_veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!!!

 

 

leucemia felina

Ti potrebbe interessare anche:

FIP, Peritonite Infettiva Felina: sintomi nel gatto!

Parvovirosi nel cane e nel gatto!!!

Vaccini nel cane e nel gatto!!!! Cosa è cambiato???

Leptospirosi nel cane, una malattia legata all’acqua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.