Cari proprietari oggi abbiamo come ospite la collega Giulia Pignataro che ci parlerà dell’osso di bufalo per cani, se fa male e di quali alternative abbiamo. 

Dott.ssa Giulia Pignataro

La collega Giulia Pignataro si laurea con una tesi sperimentale sulle enteropatie croniche pubblicata da Edizioni Accademiche Italiane. Nel 2016 ottiene il Master di I livello in Food Quality Management&Communication all’Università di Pisa. Nel 2017 è dottoranda di ricerca presso l’Università di Teramo con un progetto di ricerca sul microbiota intestinale del cane. Svolge un internship a Gent, Belgio di 5 mesi all’interno della ProDigest per sviluppare un modello in vitro che simuli l’ecosistema intestinale del cane.  Da poco ha aperto la pagina social “The DietVet” per la divulgazione scientifica su alimentazione e nutrizione degli animali da compagnia.

Ciao Giulia, grazie di partecipare ad amica veterinaria, dove ti possono trovare i lettori?

Mi possono trovare alla mail thedietvet@gmail.com e sui miei account instagram https://www.instagram.com/thedietvet/ e Facebook https://www.facebook.com/thedietvet/

Che cos’è l’osso di bufalo per cani?

L’ osso di bufalo è uno degli snack più utilizzati e in voga da diversi anni, a quasi tutti i cani piace masticarlo a lungo, li tiene occupati per diverso tempo e si pensa sia utile alla pulizia dei denti.

Ultimamente si sente dire che l’osso di bufalo fa male al cane, è vero?

Si, in realtà è davvero pericoloso. Per diventare il prodotto che troviamo in commercio deve subire una serie di procedimenti industriali estremamente nocivi per la salute. I rivenditori (spesso ignari) dicono al consumatore che si tratta di un pezzo di carne disidratata ed essiccata sottoprodotto dell’industria bovina: è invece una derivazione dell’industria di pellame, lo stesso tipo di fabbrica che produce pelle per abbigliamento, borse, divani etc.

il libro di amica veterinaria

Come è prodotto questo finto osso di pelle di bufalo?

Le pelli dei bovini dopo la macellazione sono inviate alle concerie per essere trattate con un bagno chimico per prevenire il deterioramento e la putrefazione. Successivamente sono trattate con una soluzione di cenere o con sodio solfuro calcinato (altamente tossico) che ha l’azione di eliminare i peli e il grasso che ricoprono le pelli. Poi vengono ulteriormente trattate con sostanze chimiche per renderle più morbide in modo da poter essere arrotolate.

Quindi l’osso di bufalo è pelle di bovino trattata?

La parte esterna della pelle è usata per: abbigliamento, scarpe, divani, borse etc, mentre la parte interna è usata per produrre oltre alle “ossa di bufalo” anche cosmetici, colla e gelatina. Una volta divise le due parti, quella interna è trattata con una soluzione di perossido di idrogeno e/o candeggina (ma a volte vengono usate ulteriori sostanze chimiche tossiche) per eliminare l’odore della pelle.

Ma come fa ad essere così appetibile se ha odore di candeggina?

Non fa odore di candeggina, la pelle è sbiancata ma per renderla appetibile si passa alla fase di colorazione durante la quale il prodotto è affumicato, colorato e addizionato con additivi, artificiali, per dare sapore. Alcuni tipi sono verniciati con ossido di titanio per farli apparire più bianchi e sono i più pericolosi.. e i più venduti.

osso di bufalo per cani

Queste “ossa” possono durare in eterno, non ammuffiscono, non si deteriorano…come mai? 

Sono trattate con dei prodotti, ovviamente tossici (piombo, formaldeide, mercurio..) che aiutano a mantenere il prodotto inalterato. Dopodichè è arrotolato su stesso per dare le varie forme di osso, di corda arrotolata, di sigaro etc… tramite della colla. Sono state testate alcune “ossa di bufalo” che hanno rilevato la presenza di sostanze cancerogene con effetti letali in alte dosi.

Possono dare anche occlusione intestinale come le ossa vere?

Se il vostro cane ingerisce grandi pezzi di questo snack, possono rimanere bloccati nell’esofago o in altre parti del tratto digerente, in quanto non è materiale organico e non si degrada facilmente. A volte è necessario un intervento di chirurgia addominale per rimuoverlo dallo stomaco o dall’intestino.

Ma davvero puliscono i denti?

No, neanche questo fanno, quando il cane inizia a masticare l’osso, dapprima è molto duro. La parte masticata diventa però gradualmente più morbida e riesce a staccare un pezzetto dell’estremità e il masticabile assume la consistenza viscida simile ad una caramella gommosa o ad una gomma da masticare. Non c’è alcun beneficio masticativo perché ha trasformato la pelle in una sostanza molle e appiccicosa che diventa un pericolo di ostruzione intestinale o di soffocamento!

Come mai se l’osso di bufalo per cani è commercializzato se ha questi “difetti”?

Di fatto è classificato come snack (sotto-derivato di origine animale) e non c’è nessuna legge che ne impedisca il commercio. Non c’è niente in bibliografia che ne dimostri i danni, nessuno ha mai chiesto di regolamentare il trattamento chimico di questi prodotti.

Quali sono le alternative naturali all’ “osso di bufalo”?

Sicuramente masticabili di origine naturale come corno di cervo, di vacca, ginocchio e femore bovino, snack di carne o pesce essiccati. Ci sono anche snack masticabili di origine vegetale, quindi adatti anche a soggetti allergici, come ad esempio l’albero del caffè o a base di amido di mais.

 

 

E’ importante utilizzare dei masticativi per pulire i denti al cane?

La masticazione per il cane è davvero importante: appaga totalmente l’animale, pulisce naturalmente i denti tramite azione meccanica. I cani che masticano spesso tramite l’alimentazione o lo snack sono più felici, più calmi in quanto più appagati e con una migliore salute gastrointestinale e odontostomatologica.

 

 

Cari Proprietari, se vi è piaciuto l’articolo lasciate un mi piace e condividetelo! Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria e sul mio profilo Instagram amica_veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!

cibo per cani
Forse ti può interessare anche:

Alimentazione per il cane: casalinga o commerciale?

Grain free, dieta giusta o sbagliata?

Come leggere le etichette del cibo per cani?

Il cane non mangia? L’utilità dell’alimentazione forzata.

Cibi vietati e sconsigliati per cane e gatto!

Barf e Raw: parla la biologa nutrizionista!

Coprofagia nel cane: perchè mangia la cacca?

Croccantini….cosa c’è dentro? Parla lo specialista:

Alimentazione e carne cruda, dov’è il pericolo?

L’obesità nel cane e nel gatto: come si torna indietro?

BARF…perchè ai veterinari non piace?