Omeopatia e medicina non convenzionale anche per il cane e il gatto!

Cari proprietari oggi abbiamo nuovamente con noi la Dott.ssa Annarita Ventura  che ci parlerà di medicina non convenzionale nel cane e nel gatto cioè quella branca della medicina conosciuta dai più come omeopatia  ma che in realtà oggi comprende tante discipline diverse. Vedremo insieme a lei come può essere un valido aiuto anche in veterinaria. La collega è consigliere della SISCA (Società Italiana Scienze del comportamento animale).

Svolge la sua attività a Bologna, nel centro veterinario olistico Metatron.

Dott.ssa Annarita Ventura
Dott.ssa Annarita Ventura

 

Ciao Annarita cosa si intende per medicina non convenzionale?

Il mondo delle Medicine non convenzionali è grande e variegato, si rischia di perdersi senza una guida. Innanzitutto il nome: esistono tanti sinonimi, come Medicine naturali, Medicine alternative, Medicine energetiche, Medicine complementari etc. Personalmente preferisco il termine Medicine energetiche, perché ne indica la componente costituzionale, anche se non tutte le Medicine non convenzionali sono Medicine energetiche, ma l’importante è sottolineare il fatto che sicuramente non sono alternative, anzi si parla di Medicina integrata, la Medicina è una sola, sta nel medico saper utilizzare strumenti differenti, che possono essere sinergici tra di loro.

Scusa ma io che non mi occupo di questa branca non ho capito…e l’omeopatia? La fitoterapia?

All’interno di questo mondo esistono tante discipline, solo per citare le più famose Omeopatia e Omotossicologia, Agopuntura e Medicina Tradizionale Cinese, Floriterapia, Fitoterapia, Osteopatia etc.

Non possiamo in un articolo introduttivo descrivere nel dettaglio tutte queste differenti medicine, se l’argomento interesserà potremo poi eventualmente fare un articolo su ciascuna, spiegando magari la differenza tra l’Omeopatia unicista e l’Omotossicologia o tra la Floriterapia e la Fitoterapia.

omeopatia per il cane e il gatto

Non essendo farmaci non serve un medico giusto? Chiunque può praticarle, non si rischia di fare confusione o incontrare ciarlatani?

Alcune di queste terapie sono atto medico, cioè possono essere praticate solo da Medici veterinari (nel nostro caso o da Medici di umana per le persone), come l’Omeopatia e l’Agopuntura, altre come la Floriterapia e l’Osteopatia possono anche essere praticate anche da professionisti non medici. E’ comunque importante sottolineare che non ci si improvvisa in questi ambiti, i professionisti che vogliono praticare queste terapie devono avere seguito un percorso specifico che li abilita ad usare questi strumenti; per potersi definire, per esempio, Omeopata bisogna avere frequentato una scuola triennale, ed è poi necessario continuare comunque a studiare e praticare per anni per poter divenire sempre più esperti in discipline così complesse. Anche uno strumento come la Floriterapia o l’Osteopatia, che come abbiamo detto non richiede la laurea in medicina per poter essere utilizzato, nelle mani di un medico acquisisce maggior valore, in quanto il Medico può fare diagnosi e utilizzare questi strumenti in Medicina integrata insieme per esempio anche a farmaci chimici, qualora fosse necessario. Come dicevo all’inizio per una persona che stia cercando aiuto per il proprio animale in questo mondo eterogeneo può non essere facile riuscire a trovare il professionista giusto. Il mio consiglio è di rivolgersi ad un medico veterinario esperto in Medicine non convenzionali con qualche anno di esperienza sulle spalle per essere sicuri che abbia reale dimestichezza con queste medicine.




 

Quando può essere utile richiedere l’aiuto di un Medico veterinario esperto in Medicine non convenzionali?

Sempre. Queste medicine possono essere di grande aiuto sia in prevenzione, quando il nostro animale sta bene e vogliamo mantenere il suo stato di benessere, sia come terapia in caso di patologie acute o croniche, anche in associazione con le terapie chimiche tradizionali.

Spesso ci si rivolge a queste Medicine solo in caso di patologie cronico degenerative, anche gravi, dopo avere provato altri strumenti, come ultima chance; se potessimo utilizzarle anche prima i vantaggi sarebbero ovviamente maggiori. Vale comunque sempre la pena di affiancare differenti strumenti terapeutici per aumentare gli effetti curativi o ridurre, per esempio, gli effetti tossici o collaterali di alcuni farmaci chimici.

Come si fa a capire che non è solo effetto placebo?

Alcuni obiettano che l’effetto terapeutico evidente prodotto da queste Medicine sia solo imputabile all’effetto placebo, la Medicina veterinaria può evidentemente smentire questo falso preconcetto, negli allevamenti biologici, per legge, non si possono utilizzare farmaci di sintesi, i risultati che ottengono tutti i giorni i colleghi su bovini, polli e altri animali curati con Medicina non convenzionale non può certo essere spiegato con l’effetto placebo, visto che assumono i rimedi mescolati a cibo ed acqua e quindi non sono consapevoli di essere curati in questo modo.

Il consiglio che vorrei darvi è quello di ampliare le possibilità di terapia dei vostri animali integrando con ulteriori strumenti terapeutici, in grado di preservare o ristabilire il benessere psicofisico.

Le medicine non convenzionali, infatti, sono utili sia nella cura di patologie fisiche che di quelle comportamentali.




 

Puoi farci degli esempi pratici? Quali sono le medicine “non convenzionali” che usi di più e per quali patologie?

Dipende da qual è il problema per cui visito un animale. L’Omeopatia unicista ha un’efficacia veramente impressionante quando viene somministrato il Rimedio omeopatico più corretto per quell’animale ( si cura l’individuo, non la malattia), ma non è facile però trovare il rimedio corretto, tra migliaia di rimedi, dopo una sola visita.

La Floriterapia è più semplice ed immediata e comunque efficace.

L’Omotossicologia ha protocolli prefissati e l’intervento è mirato al sintomo.

L’agopuntura e la Medicina Tradizionale Cinese è, come l’Omeopatia, una disciplina complessa ma molto efficace, sia per problemi fisici che psicologici.

Il Medico dopo una valutazione deciderà quale terapia sia più adatta, si possono utilizzare anche più strumenti terapeutici in associazione. 

 

  

Quali sono gli errori da evitare quando si decide di somministrare medicine non convenzionali?

Alcune medicine sono prive di effetti collaterali, come per esempio la Floriterapia, altre invece richiedono la valutazione di un medico in quanto possono determinare cambiamenti che devono essere conosciuti, valutati e modificati.

Il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un medico esperto in medicine non convenzionali a cui affidarsi con fiducia.




 

Quindi riassumendo….

Riassumendo esistono vari strumenti terapeutici per prevenire o curare eventuali stati patologici, avere a disposizione un numero maggiore di possibilità può aumentare le possibilità di guarigione e migliorare lo stato di benessere.

Bhè…che dire di più! Sei stata chiara e gentilissima come sempre! Grazie infinite Annarita da parte mia e di tutti i followers di Amica Veterinaria per queste preziose informazioni!

Cari proprietari se vi è piaciuto l’articolo lasciate un mi piace e condividetelo!

Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria e sul mio profilo Instagram amica_veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!!!




 

Vi potrebbe interessare anche:

Elettrochemioterapia in veterinaria! Parla lo specialista!

Cellule staminali in medicina veterinaria. Parla lo specialista!

Paura dei botti di capodanno? Come aiutare il tuo cane?

Lacrimazione nel cane e nel gatto! Parla lo specialista!

Ansia da separazione e distruttività casalinga nel cane!

Meningoencefalite nel cane! Parla lo specialista!

Incontinenza nel cane: quando si fa la pipì addosso!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.