Cari proprietari oggi voglio parlarvi di un’urgenza spesso sottovalutata e cioè quando il cane non fa la pipì per molto tempo! Se vi faccio la domanda: “quanto tempo il cane può stare senza svuotare la vescica?”  chi di voi sa rispondere? La risposta alla domanda che vi ho fatto è 24 ore, dopo 24 ore incomincia il riassorbimento da parte dell’organismo dei prodotti di scarto presenti nell’urina (urea, potassio ecc…), tra le 24 e 48 h la vescica si sovradistende pericolosamente e il grado di tossicità raggiunto è elevato quindi vedete il vostro animale che incomincia a essere abbattuto, a questo punto la situazione precipita pericolosamente, si può arrivare a morte entro le 72 h o a rottura vescicale.

 

Quando il cane non fa la pipì

Prima di tutto qualche cenno di anatomia per farvi capire cosa succede in condizioni fisiologiche (normali) quando il vostro cane fa pipì. L’urina viene prodotta a livello renale e attraverso due tubicini (uno per rene) chiamati ureteri raggiunge la vescica dove si accumula. La vescica è una sorta di palloncino che si riempie di urina. Attraverso il riflesso della minzione si apre poi una porticina chiamata sfintere uretrale che permette all’urina di essere eliminata dalla vescica attraverso l’uretra (tubicino che va dalla vescica all’ambiente esterno) e così avviene la minzione! Il corretto funzionamento di questo meccanismo è indispensabile, permette infatti di eliminare le tossine che vengono prodotte dal normale metabolismo organico! In caso contrario l’organismo andrà velocemente incontro a tossicosi.

 

Sintomi:

Alcuni sintomi piuttosto frequenti possono aiutarti a capire se il tuo cane ha difficoltà a fare pipì:

  • Sforzi e dolore durante la minzione
  • Minzioni più frequenti o tentativi di urinare senza successo
  • Sangue nelle urine o urina torbida
  • Vomito
  • Riduzione dell’appetito

Qual è la causa più comune di difficoltà a fare la pipì nel cane?

Sono diverse le possibili cause di difficoltà nella minzione del cane. A differenza del gatto l’infiammazione delle basse urinarie è quasi sempre di natura batterica (infezione batterica) e non porta quasi mai ad ostruzione completa. I sintomi sono tuttavia gli stessi che si presentano in patologie che portano ad ostruzione delle vie urinarie. Vi parlo di questa patologia in questo articolo sulla cistite del cane. Ma passiamo alle cause di ostruzione urinaria vera e propria nel cane!

Il cane non fa la pipì per cause meccaniche:

Le cause meccaniche più frequenti di ostruzione delle vie urinarie del cane sono i:

  • CALCOLI URINARI (su questo argomento ho scritto un articolo cliccate qui!)
  • TUMORI DELLE VIE URINARIE Purtroppo nei cani anziani che hanno difficoltà a fare pipì vanno inoltre escluse le patologie neoplastiche a carico delle basse vie urinarie. Lo sviluppo di un tumore vescicale o uretrale porterà infatti ad un’ostruzione meccanica delle vie urinarie e ad un conseguente blocco urinario.

II sintomi di una neoplasia vescicale:

Possono mimare quelli che si osservano in corso di calcoli urinari o infezioni urinarie quali:

  • ematuria (sangue nelle urine), inizialmente intermittente poi continua,
  • difficoltà e dolore nella minzione e talvolta anche zoppia (nel caso siano presenti metastasi ossee).

Spesso è possibile che il tumore sia associato ad infezione delle vie urinarie di durata variabile (da 4 settimane a 2 anni), con iniziale risposta agli antibiotici (cosa che spesso fa ritardare la diagnosi di neoplasia).

Tumore delle vie urinarie nel cane:

Il tumore più frequente che colpisce l’uretra e la vescica del cane è il TCC ( carcinoma a cellule di transizione), tumore maligno che origina dall’epitelio di rivestimento delle vie urinarie. Negli ultimi anni è stato purtroppo segnalato un aumento della prevalenza del carcinoma a cellule di transizione (TCC). Sembra esserci una predisposizione genetica in alcune razze canine: quelle più rappresentate sono:

Quali sono le cause del tumore vescicale nel cane?

Oltre ai fattori genetici è stato dimostrato che fattori ambientali possano giocare un ruolo molto importante nello sviluppo di questi tumori. Secondo alcune ricerche esisterebbe una correlazione tra tumori vescicali canini e livello di attività industriale nell’ambiente. Per questo motivo il cane potrebbe fungere da sentinella per l’identificazione precoce di sostanze potenzialmente cancerogene presenti nell’ambiente!

Il cane non fa la pipì per cause funzionali:

Le cause meccaniche più frequenti di ostruzione delle vie urinarie del cane sono i:

  • vescica neurologia
  • dissinergia riflessa
  • cane paralizzato per ernia del disco

 

Vescica neurologica nel cane:

Danni alla colonna vertebrale in corrispondenza dei punti da dove nascono i nervi che innervano la vescica e determinano il riflesso della minzione possono portare a ritenzione urinaria e determinare gli stessi sintomi e lo stesso quadro clinico di un’ostruzione urinaria meccanica. I pazienti che presentano questa problematica sono tutt’altro che semplici da gestire e richiedono grande impegno da parte del proprietario!

Per poter convivere con questa problematica infatti a volte sarà necessario:

  • svuotare la vescica tramite compressione manuale della stessa,
  • cateterismo intermittente o permanente
  • farmaci che aiutino nello svuotamento della vescica.

Purtroppo si parla di terapie e manualità da eseguire a vita!

 

La dissinergia riflessa nel cane:

Purtroppo il fatto che sia poco frequente non significa che non esista ed è quindi bene conoscerla per sapere cosa fare nello sfortunato caso che il vostro cane presenti questi sintomi. La dissinergia riflessa è la mancanza di coordinazione tra la vescica e l’uretra nel meccanismo di eliminazione dell’urina. Per spiegarvelo in parole semplici in condizioni normali l’urina si accumula in vescica e non viene ‘persa’ perché è presente una porticina (sfintere uretrale) che resta chiusa fino a quando non si ‘decide’ di fare pipì. Quando si urina alla contrazione della vescica si associa il rilassamento dello sfintere uretrale (porticina che quindi aprendosi permette all’urina di passare dalla vescica all’esterno attraverso quella che viene comunemente detta minzione).

Nella dissinergia riflessa, l’uretra non va incontro a rilassamento durante la contrazione della vescica e quindi il cane non riesce a fare pipì nonostante ci provi!

Chi colpisce?

La malattia è tipica di cani giovani maschi di grossa taglia. Tipicamente i cani affetti da dissinergia iniziano ad urinare ma si bloccano dopo le prime gocce di pipì. Si può quindi osservare un normale inizio della minzione che si interrompe improvvisamente mentre l’animale continua a provare ad urinare senza successo.

Come si fa diagnosi?

In veterinaria la diagnosi di questa malattia viene in genere fatta per esclusione; sarebbero infatti necessari studi di urodinamica come in medicina umana che ad oggi non sono disponibili nei nostri animali. Vanno ovviamente escluse problematiche neurologiche attraverso una visita neurologica specialistica ed ostruzioni meccaniche dell’uretra attraverso diagnostica per immagini (ecografia, cistoscopia…) Escluse tutte le altre possibili cause di ritenzione urinaria si emette il sospetto di dissinergia vescicale e si imposta terapia farmacologica.

Esiste una terapia?

Lo scopo della terapia è abbassare il tono della muscolatura dell’uretra permettendo così alla porticina di aprirsi! I farmaci più utilizzati sono il Diazepam e la fenossibenzamina ma ce ne sono anche molti altri che vengono utilizzati in medicina umana e che sono oggetto di studio e sperimentazione in veterinaria. Chiedete quindi al vostro veterinario quale è il farmaco migliore per il vostro cane e non fermatevi a un: non c’è niente da fare!

 

Una situazione particolare è quella del cane paralizzato:

Ne abbiamo parlato nell’articolo sull’ernia del disco ricordate? Può capitare anche in caso di lussazione vertebrale o trauma alla colonna.  Nel caso in cui il cane sia plegico anche la vescica sarà “paralizzata” e spesso succede che veterinario e proprietario preoccupati per la deambulazione e durante l’iter di prenotare una risonanza magnetica e neurochirurgia si dimentichino di controllare la minzione! A volte la vescica è talmente piena che una parte di urina fuoriesce per tracimazione e quindi alla domanda “il cane urina?” spesso il propretario dice di si ma non è una minzione volontaria. In questo caso sono interessati sia le femmine che i maschi.

Come si capisce se urina spontaneamente o perde urina per tracimazione?

Premetto che questo sarebbe compito del veterinario. La tracimazione di solito è caratterizzata da:

  • piccole macchie di urina con odore molto pungente;
  • spesso sollevando il cane (soprattutto di taglia piccola) e appoggiando una mano sulla pancia perde urina;
  • palpando (mi raccomando delicatamente) la pancia dell’animale si sente una grossa palla dura e sferica (è la vescica).

 

Cosa succede se il paziente paralizzato non urina per più di 24 ore?

A volte se il cane o il gatto  non vengono “svuotati” in tempo vanno incontro a sovradistensione vescicale. La sovradistensione vescicale può portare a:

  • rottura vescicale (con conseguente uroperitoneo, il paziente prova un momentaneo benessere e sembra stare meglio ma pochissimo dopo l’urina con tutte le sue sostanze di scarto danno una grave peritonite)
  • necrosi della parete (dovrà essere sottoposto a un intervento chirurgico per asportare una parte di vescica e nel caso non si riesca a salvarla il cane probabilmente dovrà essere soppresso).

Purtroppo mi è capitato di assistere anche di recente a un paziente arrivato plegico per una risonanza magnetica che non lo facevano urinare da una settimana. Oltre l’intervento per l’ernia del disco è stato sottoposto in un secondo momento anche ad asportazione di una parte della vescica. Immaginatevi il calvario riabilitativo per questo cane. Per fortuna è tornato a camminare ma per tutta la vita avrà una vescica piccolissima e dovrà urinare tantissime volte al giorno.

Cosa fare se il cane non fa la pipì?

Il Medico Veterinario emetterà diagnosi di ostruzione urinaria o disfunzione sulla base dei segni clinici (vedi sopra) riportati dal proprietario e dalla constatazione di una vescica sovradistesa (molto piena) e dolente. In attesa di capire la causa va risolta l’urgenza.  Se la cateterizzazione risulta impossibile e la spremitura manuale non è attuabile è necessario che vi rechiate in una struttura dove si possa fare la diversione urinaria (un apposito catetere viene inserito in vescica attraverso l’addome). E’ da evitare lo svuotamento vescicale ripetuto attraverso aspirazione con siringa (cistocentesi). Tutte le volte che si buca la vescica si ripete un trauma su una parete vescicale già fragile!

calcoli vescicali nel cane

catetere da diversione urinaria ecoguidata

Iter diagnostico se il cane non fa la pipì:

Una volta gestita l’urgenza e liberato il cane dal fastidio sarà necessario indagare le cause:

  • l’esame delle urine
  • eseguire esami ematici per poter valutare lo stato generale del paziente, la presenza ed il grado di insufficienza renale.
  • l’esame radiografico
  • esame ecografico dell’addome.
  • Se invece si sospetta un problema neurologico sarà interpellato il neurologo.

Queste indagini permetteranno di valutare infatti l’eventuale presenza di calcoli in vescica o in altri tratti delle vie urinarie, l’eventuale concomitante presenza di infezione delle vie urinarie ed eventualmente evidenziare la presenza di lesioni neoplastiche.

 

Se il sospetto è una neoplasia:

In caso di sospetta neoplasia delle vie urinarie verranno richiesti approfondimenti quali:

  • endoscopia della vescica (cistoscopia) con campionamenti bioptici ed esame istologico
  • eventualmente una TAC

 

Mancata produzione di urina:

Esiste un’altra situazione dove non c’è minzione: è la mancata produzione di urina (anuresi) nei pazienti in blocco renale ma in questo caso è una faccenda molto più complessa ed è solo un aspetto di un quadro clinico molto più ampio. In questo caso i reni hanno improvvisamente smesso di funzionare. Si presuppone che l’animale sia già ricoverato e in fluidi e quindi in questo caso voi proprietari non avete un ruolo chiave nel riconoscere il sintomo.

Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria sul mio profilo Instagram amica_veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!

Ti potrebbe interessare anche:

Insufficienza renale cronica nel gatto: può guarire?

Calcoli ureterali nel gatto: chirurgie possibili.

Uretrostomia nel gatto: quando è da fare?

Struvite nel gatto: sintomi e cura

Insufficienza renale cronica nel cane: sintomi e cure.

Calcoli vescicali nel cane e nel gatto: l’ostruzione uretrale.

Cistite nel gatto: sintomi e cura!

Incontinenza nel cane: quando si fa la pipì addosso!

 

Visite: 98