Emoaddome ed emangiosarcoma nel cane!!!

Cari proprietari ecco un’altra patologia molto frequente: l’ emoaddome (sangue libero in addome )!

Chi colpisce?

Il cane di taglia medio/grande adulto e anziano.

Qual’è la causa?

Nel 70-80% dei casi è dovuto da un tumore alla milza (emangiosarcoma) che improvvisamente si rompe e provoca al vostro cane un’emorragia interna che può essere più o meno veloce (subacuta- acuta- iperacuta). La velocità con cui si dissangua il vostro amico è direttamente responsabile della gravità dei sintomi.

Di cosa potete accorgervi?

Nelle forme di dissanguamento più lente il proprietario nota l’addome gonfio nella parte declive e una maggior stanchezza. Nelle forme iperacute le mucose del cane diventano bianche come un lenzuolo , si regge a fatica in piedi. Poi ovviamente ci sono tutte le sfumature che stanno nel mezzo.

Cosa dovete fare se notate questi sintomi?

Il paziente in emoaddome è sempre un urgenza! La cosa importante è non perdere tempo, recarvi in una struttura dove vi possono fare subito un’ecografia per confermare se il problema è a carico della milza e poi operarlo (splenectomia). Se si vuole esagerare con la perfezione l’ideale sarebbe un posto dove possono avere anche sacche di sangue per una trasfusione d’urgenza (qualora fosse necessario). Ovviamente il cane deve restare ricoverato un paio di giorni. La brutta notizia è che l’emangiosarcoma è un tumore maligno che porterà comunque il vostro amico a morte nei mesi successivi per metastasi a fegato e cuore. La cosa positiva è che con l’intervento chirurgico si salva per il momento e condurrà una vita felice e contenta per i mesi che gli restano da vivere dandovi la possibilità di coccolarlo e viziarlo abituandovi lentamente all’idea di doverlo salutare.

 




 

Esiste un’opzione all’intervento chirurgico?

L’emorragia a volte può fermarsi da sola e l’ematocrito del cane può tornare a risalire nei giorni successivi. In questo caso però la recidiva è dietro l’angolo.  La diagnosi quindi diventa comunque fondamentale. Un’opzione sempre possibile è quella di fare prima una TAC per capire se sono già presenti metastasi. Il motivo di questo approccio è dato dal cercare di valutare bene pro e contro dell’intervento chirurgico. Mi spiego meglio: se il vostro cane avesse già metastasi presenti su fegato e cuore allora l’intervento potrebbe regalare al vostro amico solo pochi giorni o settimane di vita in più. A voi spetterà la decisione. Ovviamente c’è da considerare anche l’aspetto economico. In caso decidiate di fermarvi  (non sottoporlo a intervento chirurgico) se l’emorragia non si ferma in poche ore o se si presenta una recidiva dovete prendere il coraggio di procedere con l’eutanasia.

 

 

Qual’è la prognosi?

Un 20% di voi saranno fortunati e quello che si è rotto era un ematoma splenico (in seguito a trauma di cui non vi siete accorti) o un tumore benigno. In questo caso il vostro cane ha salva la vita!

In caso di emangiosarcoma invece come vi ho già accenato sopra la prognosi  è drammaticamente negativa. Mediamente due/tre mesi di sopravvivenza.

 

 

Cari proprietari spero di avervi fornito informazioni utili! Condividetele!

Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!!!

 

Potrebbe interessarvi anche:

Osteosarcoma nel cane: sintomi, diagnosi e prognosi!

Mastocitoma nel cane e nel gatto: aspetto e diagnosi!

Linfoma nel cane e nel gatto: sintomi e prognosi!

Carcinoma squamocellulare: il tumore del gatto bianco!

Lipoma nel cane e nel gatto! Può dare problemi?

 

Elettrochemioterapia in veterinaria! Parla lo specialista!

Tumori nel cane e nel gatto!

3 commenti su “Emoaddome ed emangiosarcoma nel cane!!!

  1. Il mio leo, bassotto di 6 anni, il 5 ottobre 2017 ha avuto un emoaddome da emangiosarcoma RENALE (al fegato ha due puntini metastatici poco preoccupanti, cuore e milza sono ok). Gli hanno rimosso il rene interessato, e con una chemio metronomica a base di ciclofosfamide e talidomide per ora vive una vita felice e serena. E’ il mio più fedele amico, la sola idea di dovermi separare da lui è un incubo. Leo come Oliver (il fratello), sono sempre stati superseguiti, sia nell’alimentazione, che nelle visite di routine. Insomma siamo stati degli amici (mai padroni) molto premurosi ed accorti nei loro confronti. A detta del veterinario c’è stata solo tanta sfortuna. I miracoli non esistono, pertanto non ci resta che dare il nostro amore incondizionato fino a quel giorno. Ho visto nascere Leo ed Oliver, non avrei mai creduto di dovermi separare da Leo così presto. Oggi è il 06/01/2018, Leo gioca felice. Un abbraccio a tutti gli amanti dei cani (e degli animali), devoti ai loro amici più che mai. Vorrei fosse solo un incubo da cui attendo di svegliarmi.

    Luca, 6 gennaio 2018.

    1. Io sono stata altrettanto sfortunata… ho perso il mio amatissimo Westy che aveva appena compiuto sette anni x un osteosarcoma del sacro…. inoperabile … diagnosi fatta a gennaio 2017 , lui è volato sul ponte a dicembre 2017 ………mi avevano dato tre /sei mesi di vita ….. non gli ho fatto la metronomica x non prendeva le pillole aprendo la bocca … gli avrei creato danni … ho fatto terapia con artemisia ed una valanga di integratori … è stato un guerriero😢mi fa tanta rabbia : sempre super seguito…alimentazione naturale bio etc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.