Cari proprietari, oggi scopriremo che anche i cani e i gatti possono donare il sangue grazie a due colleghi dell’ospedale veterinario universitario didattico dell’Università degli studi di Parma Gabriele Costantino Melis, DVM, phD e Francesca Fidanzio, DVM, phD student che si occupano del servizio trasfusionale e del servizio di medicina interna presso l’OVUD che ci spiegheranno come funziona la donazione e la trasfusione di sangue nei nostri amici animali.

Dott. Gabriele Costantino Melis, DVM, phD

Dott. Gabriele Costantino Melis, DVM, phD

 

Francesca Fidanzio, DVM, phD student

Dott.ssa Francesca Fidanzio, DVM, phD student

Potete trovare Francesca e Gabriele sulla pagina Instagram dell’Ospedale Didattico Veterinario di Parma e sulla pagina Facebook

Ciao Gabriele e Frnacesca, oggi  parleremo di un argomento davvero importante di cui purtroppo c’è ancora poca consapevolezza: la medicina trasfusionale veterinaria.

I nostri cani e gatti possono donare il sangue?

Ebbene si, l’obiettivo di questo articolo  è quello di informarvi sull’esistenza di questo servizio, come se ne può usufruire e sensibilizzare su quanto sia importante e necessario.

Perchè è così importante far donare il sangue a cani e gatti?

Come noi umani, anche loro possono aver bisogno di una trasfusione di sangue. La trasfusione può essere un intervento salvavita in pazienti in condizioni critiche. Permette di correggere alterazioni ematologiche ed emodinamiche che potrebbero portare a morte l’animale, magari nell’attesa di una diagnosi e/o degli effetti della terapia che si è iniziata.

Quali componenti del sangue possono essere trasfuse?

Può essere trasfuso sangue intero oppure singoli componenti del sangue (globuli rossi, proteine plasmatiche, piastrine, albumine) a seconda del problema del paziente.

cani e gatti possono donare il sangue

Quando può servire una trasfusione?

Una trasfusione può essere indicata in caso di:

Anemia:

  • anemie emolitiche, in cui vengono distrutti i globuli rossi;
  • anemie da perdita di sangue acuta per emorragie in seguito a traumi (come incidenti stradali o cadute), a interventi chirurgici oppure a rotture di neoplasie come l’emangiosarcoma della milza;
  • anemie da minor produzione di globuli rossi (per insufficienza renale cronica, patologie del midollo osseo).
  • perdite croniche di sangue (per sanguinamenti cronici

Disturbi della coagulazione:

  • CID (coagulazione intravasale disseminata da politrauma, morso di vipera ecc),
  • emofilia,
  • carenza di fattori della coagulazione,
  • malattia di Von Willebrand,
  • avvelenamenti,
  • insufficienza epatica,
  • carenza di vitamina K,
  • trombocitopatie

Permette, infatti, di aumentare il volume ematico (volemia), migliorare la distribuzione dell’ossigeno nei tessuti e di apportare fattori della coagulazione e altre proteine plasmatiche.

Cosa ricevono in cambio i cani e i gatti donatori?

Far parte del servizio trasfusionale come donatori, oltre ad essere di fondamentale importanza per la vita dei pazienti riceventi, permette un monitoraggio sanitario periodico dei de vostri cani e gatti. Questo perché, ovviamente, la donazione di sangue e il suo utilizzo durante le trasfusioni devono essere procedure sicure sia per il donatore sia per il ricevente. In Italia esistono linee guida del Ministero della salute che regolamentano la medicina trasfusionale veterinaria.

Tutti i cani e i gatti possono donare il sangue?

NO, non tutti gli animali possono donare il sangue. Un animale per essere un donatore idoneo deve avere determinati requisiti per tutelare la salute del donatore stesso e dell’animale ricevente. Tali requisiti sono:

  • identificazione all’anagrafe canina e felina con microchip
  • indole docile per permettere la donazione da sveglio
  • peso > 25 kg CANE > 5 kg GATTO
  • età compresa tra i 2 e gli 8 anni
  • regolarmente vaccinati
  • regolari trattamenti e/o profilassi nei confronti di endoparassiti ed ectoparassiti ed utilizzo di presidi repellenti contro artropodi vettori di agenti infettivi (pulci, zecche, flebotomi, zanzare)
  • in buono stato di salute e nutrizione ed esenti da alcune malattie infettive trasmissibili col sangue (es. filariosi cardiopolmonare nel cane, FIV-FeLV nel gatto ecc.)
libro di amica veterinaria

 

Come si diventa cani o gatti donatori?

Viene, eseguita una prima visita di idoneità per capire se il vostro animale può donare:

  • Vengono raccolte le informazioni anamnestiche relative alla storia dell’animale
  • Deve essere fatta un’accurata visita clinica per accertarne il buono stato di salute dell’animal
  • Va eseguita una serie di esami di laboratorio (esami del sangue, ricerca di agenti infettivi)
  • Va determinato il gruppo sanguigno dell’animale (criterio importante!)

Quali sono i gruppi sanguigni dei nostri pets e perchè è importante determinarli?

  • CANE: al momento sono stati classificati 9 gruppi sanguigni in base agli antigeni presenti sulla superficie dei globuli rossi, vengono detti Dea (Dog Erithrocyte Antigen), di tipo 1.1, 1.2, 2, 3, 4, 5, 6, 7 e 8, e possono essere, come nel nostro caso, positivi o negativi.
  • GATTO: ha 3 diversi gruppi (A, B, AB); la maggior parte dei gatti meticci è di tipo A, mentre ci sono razze (Abissino, Burmese, British shortair, Devon rex, Himalayano, Persiano, Scottish fold) che hanno un’incidenza maggiore di sangue di tipo B.

In caso di trasfusione è indispensabile determinare il gruppo sanguigno, sia del donatore sia del ricevente.

cani e gatti possono donare il sangue

Anche i gatti possono donare il sangue.

Perchè è importante tipizzare il sangue?

Tipizzare il sangue è importante perché il sangue usato per la donazione deve essere dello stesso tipo del ricevente per minimizzare il rischio reazioni trasfusionali, che potrebbero portare a morte l’animale. Ad esempio, per quanto riguarda il cane, cani DEA 1 NEGATIVO possono ricevere solo sangue DEA 1 NEGATIVO! mentre cani DEA 1 POSITIVO possono ricevere sangue DEA 1 POSITIVO o DEA 1 NEGATIVO. L’animale con il gruppo DEA 1.1 NEGATIVO è il DONATORE UNIVERSALE, dunque questo è un criterio di idoneità importante! In aggiunta, per minimizzare il rischio di reazioni trasfusionali, vengono eseguite prove di compatibilità crociata fra donatore e ricevente che servono ad evidenziare la presenza di anticorpi preformati contro Ag cellulari estranei.

Una volta arruolato il paziente come donatore?

Una volta stabilito il buono stato di salute dell’animale e fatte tutte le analisi di laboratorio necessarie, finalmente l’animale può donare! Per continuare a garantire la tutela della salute del donatore, escludere la trasmissione di malattie infettive al ricevente e definire la qualità e idoneità del sangue raccolto, ad ogni nuova donazione il donatore deve essere visitato e devono essere ripetute tutte le analisi di laboratorio. Se si riscontrano problemi il donatore può essere temporaneamente o permanentemente escluso come donatore.

 

Come avviene la donazione a lato pratico?

  • L’animale è posto in decubito sternale o laterale oppure in stazione quadrupedale;
  • Il sangue viene prelevato dalla vena giugulare previa disinfezione della parte;
  • Il prelievo dura circa 5-10 minuti (e viene prelevato l’1,5-2% del volume ematico dell’animale).
  • L’intervallo minimo tra una donazione e la successiva è di 3 mesi.

La donazione di sangue viene effettuata rispettando il benessere dell’animale e soprattutto non comporta nessun tipo di conseguenza negativa o danno per l’animale, piuttosto permette di verificarne regolarmente lo stato di salute, quindi cari proprietari potete stare tranquilli!

Dove vie raccolto e stoccato il sangue? Come si fa a reperire il sangue se il proprio animale ha bisogno di una trasfusione?

Per i nostri amici a quattro zampe esiste un sistema di banche del sangue: luoghi che raccolgono, conservano e commercializzano campioni di sangue e plasma prelevati da animali sani e destinati alle trasfusioni. In Italia ci sono diversi centri attualmente funzionanti anche come emoteca animale. Esiste inoltre la “Dog Blood Donors”, una Banca dati gratuita dei cani potenziali donatori di sangue GRATUITA per il proprietario e per il Medico Veterinario. I proprietari di cani potranno iscrivere il proprio animale candidandolo a diventare un donatore oppure usufruire del servizio in caso di necessità, attraverso il proprio medico veterinario.

cani e gatti possono donare il sangue

Il medico veterinario curante può raccogliere il sangue?

Oltre a queste banche del sangue, esistono cliniche veterinarie che svolgono attività trasfusionale di pronto impiego o per emergenza esclusivamente al suo interno. Tali cliniche veterinarie devono anch’esse seguire le linee guida ministeriali al fine di garantire un servizio sicuro. Hanno un registro aggiornato dei propri donatori al fine di poterli chiamare per donazioni programmate o per emergenze.

 

Grazie Gabriele e Francesca per tutte queste preziose informazioni, sono sicura che i followers di Amica Veterinaria apprezzeranno molto!

Cari proprietari se l’articolo vi è piaciuto ricordatevi di condividerlo! Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria sul mio profilo Instagram amica_veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!

 

Ti potrebbe interessare anche:

Come dare la compressa al cane! Video e trucchi!

Invecchiamento nel cane e nel gatto: cosa fare per aiutarli?

Detartrasi nel cane e nel gatto!

Coda dello stallone nel cane e nel gatto: come si cura?

 

Gentalyn Beta e cortisonici nel cane e nel gatto!

Cane in spiaggia: i consigli per la salute!

Otite nel cane e nel gatto e le sue complicanze.

Ernia ombelicale nel cane! Operare o no?

https://amicaveterinaria.com/cane-perde-il-pelo/

Viaggiare con il cane e il gatto in sicurezza!

Tosare il cane e il gatto: perchè è sbagliato?

Coda morta nel cane? Si chiama Cold Tail Syndrome!

Alitosi nel cane e nel gatto: cause e rimedi!

Leptospirosi nel cane, una malattia legata all’acqua!

FIP nel gatto: sintomi e aspettativa di vita.

https://amicaveterinaria.com/cane-perde-il-pelo/

Mal d’auto nel cane? Strategie da provare….

https://amicaveterinaria.com/processionaria/

Tossicità della Stella di Natale, Vischio e Agrifoglio!

Il cane sulla neve: a cosa fare attenzione?

Unghie del cane e del gatto: è necessario tagliarle?

Se il mio cane morde qualcuno? Che succede?

Shunt portosistemico nel cane e nel gatto!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Visite: 17316