Benvenuto!

Un grande benvenuto a tutti voi,  Proprietari di cani e gatti!!!!

Vi è mai capitato di farvi prendere dal panico quando FIDO o FELIX stanno male?

Non sapete se state facendo le scelte giuste per la loro salute? 

Ci sono cose della medicina veterinaria che non vi spiegate?

Siete nel posto giusto!!! Questo blog nasce per voi, qui troverete la risposta a tutte le vostre domande e ansie sulla salute del vostro amatissimo amico a quattro zampe ma anche molto molto di più!

Cominciamo dall’inizio:

CHI SONO? Sono la Dott.ssa Valentina Chiapatti, medico veterinario, mi occupo principalmente di anestesia. Lavoro da tanti anni ormai in diverse realtà ma soprattutto mi occupo di anestesia e pronto soccorso, ho lavorato per dodici anni in una grossa struttura all’avanguardia sia per la tecnologia e i materiali sia per l’equipe di professionisti che lavorano all’interno. Vi svelerò anche  il dietro le quinte della professione veterinaria ma soprattutto vi aiuterò a capire i segnali che vi manda il vostro amico a quattro zampe.

 

 

PERCHE’ E’ NATO QUESTO BLOG? Questo blog nasce dalla mia voglia di aiutare i proprietari a districarsi nel complicato mondo della veterinaria. Troppo spesso arrivano da noi proprietari mal consigliati, spaesati, che è da mesi che saltano da palo in frasca senza capire nulla di quello che sta succedendo al loro animale. Mi piange il cuore quando arriva un paziente quasi morto perchè il proprietario ha aspettato troppo, o di sua iniziativa o mal consigliato.

Nella salute del vostro pet siete proprio voi che giocate un ruolo chiave. Non ci credete? Invece è proprio così.

I nostri amici non parlano e non possono dirci cose tipo “è da una settimana che ho mal di testa, da un po’ di tempo non ci vedo più bene, ho male qui ho male là” capite bene come a volte ci accorgiamo solo del sintomo quando diventa evidente e quindi la patologia è già progredita!

Con questo blog voglio mettere la mia esperienza a vostra disposizione per sviluppare voi stessi un certo occhio clinico. Capire cosa è grave e cosa no. Cosa vi deve far correre immediatamente al pronto soccorso e cosa invece deve essere comunque risolto ma con più calma. Per molte patologie si tratta di poche ore (a volte minuti) per fare la differenza!

Siete pronti per imparare?

PERCHE’ DOVRESTE FIDARVI DEL MIO PARERE? Semplice. Non siete miei clienti, non ho conflitti di interesse a consigliarvi una cosa piuttosto che un’altra. Il mio ruolo è proprio quello di un’ amica veterinaria che vi da un consiglio.

Inoltre mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria sul mio profilo Instagram amica_veterinaria  e sul canale YouTube dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!!!

 

 

DISCLAIMER 

Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla privacy.

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono state tratte da internet e pertanto considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via e-mail. Saranno immediatamente rimossi.
L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link ne del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

12 commenti su “Benvenuto!

  1. Buonasera,
    Circa un mese fa al mio maltese di 11 anni, è stata diagnosticata una splenopatia diffusa alla milza con lesione nodulare, associata a linfoadenopatia iliaca mediale e splenica compatibile con infiltrazione neoplastica linfomatosa. Da esame ai linfonodi notevolmente ingrossati è risultato un linfoma linfocitico. Abbiamo effettuato il prelievo del midollo che ha dato come risultato Iperplasia mieloide matura.
    Ieri il cagnolino ha avuto la rottura della milza con versamento di sangue nell’addome. Intervenuti con urgenza, siamo riusciti a bloccare l’emorragia ed i valori del sangue sono stabili.
    Adesso mi mettono di fronte ad una scelta: iniziare una chemio senza nessun risultato certo o addormentare il cane.
    Vi chiedo un parere per aiutarmi a prendere una decisione.
    Grazie

    1. Purtroppo di fronte a una prognosi infausta la decisione è soltanto del proprietario. Legga l’articolo sull’eutanasia. Ho scritto quello che penso sul decidere quando fermarsi per esteso.

  2. Grazie Amica Veterinaria, grazie per le preziose informazioni e per la chiarezza con cui affronti le problematiche dei nostri Amici, che poi sono anche le nostre, cerco di farne tesoro diffondendole anche alla lista degli Amici di Zampa, intanto un saluto “di Zampa”

  3. Buongiorno, la seguo da un po’ di tempo su FB e trovo la sua rubrica utile ed interessante. Lei espone in modo chiaro e semplice i contenuti. Vorrei porLe un quesito, non so se è la sede opportuna, io ci provo, eventualmente se non va bene mi indichi come fare.
    il mio cane bassotto a pelo duro di quasi 10 anni durante le passeggiate “lunghe” fa i suoi bisogni anche 4/5 volte. È normale? L’evacuazione non dovrebbe avvenire 2 volte al giorno?
    La ringrazio e la saluto
    Marina

    1. In effetti è un pò molto frequente. Se le feci sono molto dure o molto molli può avere più momenti durante la giornata in cui deve defecare. Un questo caso bisogna risolvere il problema alla base. Se invece le feci sono normali esistono alcuni maschi che usano le feci per marcare il territorio. Non sono molto frequenti ma esistono. Prima escluderei il problema gastroenterico eventuale.

  4. Cara Amica, vorrei un tuo consiglio e spero che troverai il tempo di rispondermi in breve tempo perché credo sia determinante. Sono giorni che navigo in internet in cerca di un qualche indizio su quel che potrebbe avere il mio maltese di tre anni e mezzo e finalmente ieri sera leggendo il tuo articolo sull’ernia al disco (fondamentale il video) penso che il problema sia questo. Tutto è iniziato a fine agosto con una lieve zoppia alla zampa anteriore sx, dopo 10 gg visto che il problema si accentuava, sono andata dal mio veterinario che, fino a venerdì scorso (11/10), lo ha curato per una calcificazione (vista ai RX) alla spalla con cortisone e antidolorifici. Nessun miglioramento ma effettivamente, a parte la zampa anteriore sx, tutto il resto sembrava in ordine, no dolore alla palpazione, zoppia a freddo ma poi filava via bello liscio, certo era diventato molto più mogio e camminava solo se strettamente necessario, soprattutto in questa ultima settimana in cui dovevo forzarlo per uscire a fare i bisogni, solo il cibo è ancora per lui un irresistibile richiamo. Poi appunto da VENERDI’ vedo, e lo vede anche il veterinario, che è tutto scoordinato, soprattutto le zampine dietro, ne perde il controllo, sta sempre sdraiato su un fianco (invece prima sempre sulla pancia con zampe posteriori stese in fuori), in più già da un paio di giorni passa da posizione sdraiata a in piedi curvando la schiena, ingobbendosi fino ad assume una posizione seduta sul sederino (senza il sostegno delle gambe posteriori) che ricorda le marmotte, poi piano piano scende e dopo vari slittamenti parte a camminare. Il mio veterinario mi ha fatto subito prenotare una visita neurologica in una clinica di sua fiducia che ha a disposizione TAC e RM, ma non si è voluto sbottonare, ammettendo di essersi sbagliato fino a questo momento. Visita neuro più eventuali esami sono prenotati per martedì 15 (fra due giorni) , prima non era possibile. Il cane per ora riesce a sostenersi sulle zampe posteriori anche se dopo pochi passi non ce la fa più. La mia domanda è questa: sempre supponendo che si parli di ernia, per non peggiorare la situazione, come posso aiutarlo? Cerco di farlo camminare il meno possibile o addirittura lo tengo fermo? Prendendolo in braccio, per aiutarlo negli spostamenti, posso fare dei danni?
    Ringraziandoti per l’attenzione che mi portai rivolgere, attendo fiduciosa una tua risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.