Anestesista veterinario: quello che dovete sapere!

Cari proprietari eccomi a voi nella mia veste abituale…l’anestesista! Oggi voglio fare una riflessione su quello che vi aspettate o sapete sull’anestesia a cui verrà sottoposto il vostro amico a quattro zampe!

Ecco alcune delle domande che più spesso vi fate  e spesso non avete il coraggio di chiedere: quante persone ci sono in sala chirurgica con il mio pet durante l’intervento? Cosa gli fanno? Come si assicurano che non abbia male? Come valutano i rischi? Quando si sveglierà avrà male?

Cominciamo come al solito dalle basi:

L’Anestesista è un medico specialista in anestesia e rianimazione con competenze specifiche, sviluppate grazie ad uno studio durato diversi anni. L’anestesista ha il compito di proteggere il vostro animale dal dolore durante l’intervento chirurgico; è presente in sala operatoria e controlla e mantiene le sue funzioni vitali per tutta la durata dell’intervento, fino al suo risveglio e alla dimissione dall’operazione.

Quindi in poche parole è il suo angelo custode durante tutta la procedura!!!

In veterinaria purtroppo nella stragrande maggioranza dei casi l’anestesista lo fa il medico di ambulatorio fai da te con poca esperienza e magari nel frattempo opera e risponde al telefono. Per questo vengono preferiti protocolli anestesiologici molto pesanti e ridotti all’osso che richiedono meno manovre e aggiustamenti in itinere.

Per fortuna da dieci anni a questa parte anche in Italia così come in altri paesi europei il veterinario si sta sempre più specializzando in un’unica disciplina e così sono incominciati a comparire il chirurgo, in neurologo, il cardiologo, l’ecografista e non da ultimo l’anestesista! Queste figure professionali oltre a essere sempre presenti in grosse cliniche lavorano anche “a domicilio” nei vari ambulatori quando il proprietario o il collega “ospitante” richiede la loro esperienza!

Ovviamente questi professionisti altamente specializzati si fanno pagare e quindi ancora una volta dipende da voi…Cercare il prezzo stracciato o il risparmio ad ogni costo esclude a prescindere la loro presenza!

Una volta che avete deciso che il vostro amico oltre a essere operato da un bravo chirurgo sia vegliato e accudito da un’anestesista che se ne prenda cura in ogni fase cosa succederà?

anestesista veterinario

Ovviamente che vi rechiate in un ambulatorio o in una clinica avrete l’incontro preliminare con visita:

Che informazioni vi devono essere fornite?

La visita permetterà all’anestesista di conoscere lo stato di salute, le eventuali patologie passate e attuali, il nome e la dose dei farmaci che assume e tutto quello che riguarda eventuali interventi chirurgici precedenti. La visita preoperatoria sarà la migliore occasione per rispondere a tutti i vostri possibili quesiti e rassicurarvi.

Durante la visita l’anestesista “catalogherà” il vostro amico in base allo stato di salute secondo questo modello:

Punteggio ASA da 1 a 5:

  1. Paziente sano
  2. Paziente con malattia lieve-moderata
  3. Malattia grave
  4. Patologia sistemica grave, con pericolo di vita
  5. Paziente moribondo, con scarse aspettative di sopravvivenza

Importante:

Qualora, fra la data della visita e l’intervento, insorgano alterazioni importanti dello stato di salute (febbre, tosse, bronchite, disturbi gastro-intestinali) dovete informare l’Anestesista, che valuterà l’ idoneità all’intervento per evitare un aumento del rischio. Difficilmente sarà addormentato se ha diarrea o vomito (a meno che non sia il motivo stesso per cui viene addormentato tipo corpo estraneo intestinale) ipotermia, respiro affannato ecc..

Il digiuno:

Per evitare gravi danni alla respirazione, per il passaggio nei polmoni del materiale contenuto nello stomaco (polmonite ab ingestis), dovete ricordarvi  il digiuno prima di affrontare qualsiasi tipo di anestesia.

Nelle 8-10 ore che precedono l’intervento, non dovrà assolutamente assumere cibi solidi. L’acqua è ammessa fino a due ore prima, anzi, soprattutto nei periodi caldi in digiuno di acqua è sconsigliato perché i nostri animali si disidratano molto facilmente tra agitazione e viaggio in macchina!

Potete scegliere il tipo di anestesia??? Certo che si!

La scelta del tipo di anestesia dipende dal tipo di intervento chirurgico, dallo  stato di salute e dalle vostre preferenze (e disponibilità economiche).

Potrà essere sottoposto a diverse tecniche anestesiologiche:

  • La sedazione, con farmaci sedativi che inducono una parziale abolizione della coscienza. Possono essere somministrati in associazione farmaci per ridurre o abolire il dolore, e/o anestetici locali. Dovrebbe servire solo per procedure molto blande come ecografie, medicazioni purtroppo la sedazione pesante (cioè una bomba di farmaco in muscolo) viene usata anche per le chirurgie. Un consiglio…se sentite che il vostro veterinario usa un farmaco chiamato zoletil scappate a gambe levate!!!!
  • L’anestesia generale, con perdita di coscienza: è una tecnica che comporta perdita di coscienza grazie all’utilizzo di farmaci ipnotici iniettati in vena. Tutte le volte che c’è perdita di coscienza è necessario ricorrere all’intubazione tracheale per permettergli di respirare durante l’anestesia generale e per proteggere le vie aeree da eventuali rigurgiti di cibo non digerito o succhi gastrici!
  • Associata all’anestesia generale molto leggera si può effettuare l’anestesia regionale che rende insensibile una parte del corpo. Le tecniche di anestesia loco-regionale sono diverse e si possono realizzare attraverso un’iniezione:
  • in corrispondenza della zona da operare (anestesia per infiltrazione)
  • in vicinanza di nervo garantendo un’area di anestesia ampia, ad   esempio un arto
  • nel liquido spinale (anestesia subaracnoidea) o nello spazio adiacente (anestesia epidurale), determinando perdita della sensibilità e paralisi temporanea delle parti del corpo interessate.
  • La durata dell’analgesia postoperatoria può essere aumentata se viene posizionato un catetere nello spazio interessato, per continuare nel tempo la somministrazione di analgesici. (pompa elastomerica, catetere peridurale).
Applicazione elastomero per il controllo del dolore postoperatorio in seguito a mastectomia.
Applicazione elastomero per il controllo del dolore postoperatorio in seguito a mastectomia.

Qual è il vantaggio di associare a un’anestesia generale una tecnica regionale?

Dovete sapere che ogni anestesia è composta da:

  • un farmaco che tiene addormentato l’animale (di solito i gas come isofluorano o in vena come il propofol). Purtroppo questi farmaci non impediscono all’animale di sentire dolore!

Ma come? Se dorme sente lo stesso dolore?

Certo…non conscientemente ovvio…ma l’organismo risponde agli stimoli nocicettivi con tachicardia ipertensione fino a tremori muscolari che non fanno certo piacere al chirurgo perché sanguina di più, si muove ecc….

Quindi si rendono necessari farmaci analgesici come morfina, metadone, fentanil che bloccano le vie del dolore (ma non lo farebbero dormire da soli). Insomma associando farmaci anestetici (che fanno dormire) ad analgesici (che non fanno sentire male) possono dormire sonni tranquilli!

E allora perché fare una tecnica regionale?

Semplice! Tutti i farmaci sopra descritti hanno effetti collaterali come bradicardia e ipotensione e appena sospesi l’organismo nel post operatorio sente di nuovo male! La tecnica locoregionale invece è diversa…è come se l’intervento non fosse mai esistito, non sente male durante la procedura e potendo così utilizzare dosaggi bassissimi di anestetici generali i valori emodinamici sono normali durante tutta la procedura e quando si sveglia è come se non fosse successo niente!!! Se per un paziente sano questo fa poca differenza per un paziente critico (che parte già disidratato, ipoteso, con patologia cardiaca ecc) le cose cambiano notevolmente!

Come avverrà tutta la procedura?

Prima di andare in sala operatoria potranno essere somministrati farmaci per ridurre l’ansia e la paura (la premedicazione). Ha solo un effetto ansiolitico e calmante. Essendo però farmaci con un impatto emodinamco importante non verranno fatti se l’Anestesista non lo riterrà opportuno.

A quel punto dovrete lasciare il vostro amico ma non preoccupatevi:

L’anestesista sarà presente in sala operatoria e monitorerà le funzioni vitali per tutta la durata dell’intervento, fino al risveglio.

Quali sono i rischi dell’anestesia?

Complicanze ed effetti collaterali molto gravi sono rari.

Comunque ogni tipo di anestesia, come ogni manovra medica, può comportare dei rischi.

Il personale che opera nella sala operatoria ( chirurghi, anestesisti, infermieri…) prenderà tutte le precauzioni possibili per assicurare lo svolgimento dell’ intervento nelle migliori condizioni di sicurezza.

A volte servirà una trasfusione di sangue:

La necessità di eseguire una trasfusione dipende da molti fattori, soprattutto dal tipo di intervento chirurgico.

La cosa che più vi terrorizza è il dolore post operatorio, nessuno vuole vedere il proprio amico soffrire…Come fare?

epidurale praticata solo da un'anestesista esperto

Epidurale

Esistono diversi modi di trattare il dolore postoperatorio, che deve essere assolutamente evitato o ridotto.

Non credete alla più grossa bugia che tutti molti veterinari raccontano:” è meglio se ha un po’ male perché così non si muove tanto e i punti guariscono prima”!

E’ stato ampiamente dimostrato che il dolore postoperatorio riduce i tempi di guarigione e i tempi di ripresa. Più ha male e più non mangerà, sarà ipotermico, spaventato, il suo organismo produrrà sostanze infiammatorie che ritardano la cicatrizzazione e la guarigione.

Non c’è piacere più grande per un’anestesista di svegliare un paziente che si alza e riprende immediatamente a camminare scodinzolando e leccandoti contento perché non sente nessunissimo dolore.

L’epidurale intraoperatoria così come i blocchi nervosi periferici aboliscono moltissimo il dolore anche nel post operatorio riducendo quasi del tutto la somministrazione di farmaci.

Se non verranno eseguite queste tecniche  nel post operatorio saranno somministrati oppioidi (metadone, morfina) che a casa possono essere continuati con un simil-oppioide (il tramadolo) spesso associati a FANS (antinfiammatori non steroidei).

Il consenso informato!

Prima di cominciare vi sarà chiesto di firmare un consenso specifico per l’anestesia, dopo un adeguata, puntuale e condivisa informazione. E’ un modulo che esiste anche in umana e non è altro che uno scarico di responsabilità perché nonostante tutte le attenzioni possibili ogni intervento medico può avere ugualmente complicanze non prevedibili!

Cari proprietari ancora una volta l’informazione e la conoscenza aiutano a non avere brutte sorprese e a tutelare la salute del vostro amico!!!

Se l’articolo vi è piaciuto condividetelo!!!

Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!!!

Forse vi può interessare anche:

Anestesia veterinaria: la maggior sicurezza possibile!

Dolore sotto controllo: tecniche efficaci per cane e gatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.