Torsione gastrica nel cane! Riconoscere i sintomi!

Cari proprietari oggi trattiamo un’altra urgenza che mi sta molto a cuore. La torsione gastrica nel cane !

Anche qui il vostro intervento tempestivo sarà decisivo per la vita del vostro amico.

Chi sono i più colpiti?

Tutti i cani di taglia grande possono essere soggetti a torsione gastrica, sopratutto quelli a torace profondo. Pastore tedesco, boxer, cane corso, dobermann, alano sono superpredisposti.

Ma andiamo con ordine:

In cosa consiste la patologia?

Come suggerisce il nome è lo stomaco che ruota sul proprio asse e si torce, cardia e piloro (rispettivamente le due valvole che lo connettono con esofago e intestino) si strozzano e insieme a loro i vasi. Lo stomaco diventa un sacco chiuso pieno di cibo che incomincia a fermentare e producendo gas e si ha l’effetto pentola a pressione. La parete si tende sempre di più e i vasi non portano più sangue quindi la parete muore (si chiama necrosi gastrica). In poche ore il destino del vostro cane è segnato se non si interviene rapidamente.

disegno di come avviene la torsione gastrica

Quali sono i segnali che vi devono mettere in allarme?

Il cane dopo aver mangiato (può passare anche un po’di tempo) incomincia sbavare e fa dei tentativi di vomito a vuoto. Respiro accelerato. Pancia che si gonfia (non in basso ma dietro il costato per intenderci) e se picchierellate con le dita fa effetto tamburo. Lo vedete a disagio, non trova la posizione, non dorme, vedete uno stato di malessere generalizzato.

Cosa dovete fare?

Come vi ho detto in questo caso il tempo è denaro. Dovete correre in una struttura dove hanno pronto soccorso e chirurgia attiva 24h su 24. Con una semplice lastra si fa diagnosi di torsione. Poi si attiveranno immediatamente a somministrare fluidi in vena, antidolorifici e ossigeno.

Cosa vi proporranno?

Ci sono due strade:

  • La sola lavanda gastrica in anestesia (per chi non ha proprio soldi da spendere e si incrociano le dita che si detorca da solo) Attenzione però: la recidiva è dietro l’angolo!
  • Lavanda gastrica più chirurgia: ve la consiglio caldamente. Innanzitutto si verifica che non ci sia necrosi gastrica e nel caso si cercherà di asportarla (cercando quindi di salvare parte dello stomaco) e in alcuni casi bisognerà rimuovere anche la milza se sono rimasti coinvolti anche i suoi vasi. Poi si procederà ala gastropessi (si fissa lo stomaco per evitare recidive).

Il vostro cane dovrà restare ricoverato almeno un paio di giorni perché la prognosi è comunque riservata per necrosi gastrica e per tutti gli squilibri elettrolitici e emodinamici che si sono innescati (non scendo in particolari). Il chirurgo però a seconda della situazione che trova potrà già dirvi se la situazione è grave o se siete arrivati in tempo!

Come si può prevenire?

L’unico e solo sistema per prevenire la torsione gastrica è la gastropessi preventiva (esiste anche la tecnica laparoscopica mininvasiva). Nelle femmine che effettuano la sterilizzazione si può cogliere l’occasione anche per fissare lo stomaco durante lo stesso intervento. Avrete sentito diverse teorie come:

  • non farlo giocare dopo mangiato,
  • non farlo bere subito dopo il pasto,

in realtà queste sono solo piccole precauzioni ma non hanno nessuna sicurezza di successo! Ho visto cani andare in torsione dentro il kennel da expo o in cuccia mentre dormivano. A volte lo stomaco è vuoto e il cane non ha nemmeno mangiato.

Cari proprietari anche questa volta spero che questo articolo vi sia utile!

CONSIGLIO : visto che la torsione gastrica è favorita dalla voracità del cane sono state studiate delle ciotole anti ingozzamento che purtroppo sono di difficile reperibilità nei negozi. Vi lascio di seguito il link Amazon!

 

Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!!!

 

 

4 commenti su “Torsione gastrica nel cane! Riconoscere i sintomi!

    1. Purtroppo grandi tecniche per prevenire non ci sono…mi dispiace! La cosa più importante è sapere riconoscere i sintomi è agire tempestivamente! Oppure valutare la gastropessi preventiva!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.