Il forasacco – Il corpo estraneo d’eccelenza nel cane

Cari proprietari ecco un altro argomento sempre attuale: il forasacco!

Pensate che colpiscano solo i cani da caccia? Pensate che al vostro piccolo chihuahua con le narici microscopiche non possa capitare? Niente di più sbagliato! Il forasacco colpisce tutti ma proprio tutti.

 

In tanti anni di professione ho visto estrarre forasacchi dai pazienti più improbabili, nei posti più fantasiosi!

Ma andiamo con ordine:

Perché il forasacco è tanto pericoloso?

Semplice, il forasacco è stato creato da madre natura per attaccarsi agli animali che passano accanto alla pianta madre e essere trasportato lontano per creare una nuova pianta! E’ un sistema ingegnoso se ci pensate! Ha una struttura appuntita adatta a infilarsi in ogni pertugio ed è ricoperto da una peluria e micro aghi rivolti all’indietro che gli permettono di progredire solo in avanti. Una volta entrato non può più uscire! Un meccanismo semplice ma a volte mortale!

Come può colpire il nostro amico a quattrozampe?

  • Il forasacco si può attaccare al pelo dei cani a pelo lungo o medio e progredire verso la cute scavandosi un tunnel, una volta nel sottocute crea infiammazione, ascesso (raccolta di pus), fistole (il pus scava una galleria per uscire all’esterno). Zone più colpite: fra le dita, interno coscia, ovunque il pelo non spazzolato formi dei rasta o una spessa pelliccia infeltrita.
  • Si può infilare nell’orecchio dando un tremendo dolore e a lungo andare se viene ignorato il sintomo a otite purulenta.
  • Si possono infilare nel naso, di solito mentre il vostro cane sta annusando per terra con vigore ne inala inavvertitamente una e incomincia a starnutire ripetutamente, per ore e a volte producendo gocce di sangue.
  • Possono entrare nell’occhio sotto la terza palpebra (anche nel gatto) e in questo caso l’animale tiene l’occhio chiuso e contratto (blefarospasmo) con lacrimazione.
  • Altra localizzazione è fra le dita, vi accorgerete di una zoppia e di una fistola con pus appena al di sopra di esse.
  • Sicuramente la situazione più pericolosa è quando il cane correndo a bocca aperta in mezzo a un campo di spighe ne inala una direttamente in trachea e incomincia a tossire. Questo forasacco ha evitato il naso e va direttamente ai polmoni dove può creare una polmonite da corpo estraneo anche dopo settimane.

 

Che cosa potete fare voi proprietari?

Da proprietari potete fare prevenzione spazzolando il vostro cane, asportando i rasta e il pelo infeltrito regolarmente.

Controllare le dita dei piedi dopo le passeggiate per lo meno nel periodo estivo. Soprattutto se il vostro cane ha pelo abbondante anche fra le dita.

Se invece vi capita che si infili in naso, orecchio o occhio andate immediatamente dal veterinario per farla rimuovere (ci vorrà l’anestesia). Visto che l’anestesia è un argomento che mi sta a cuore vi dico anche che per togliere il forasacco dal naso il paziente va necessariamente intubato per evitare che un eventuale sanguinamento vada in gola e soffochi il cane.

 

Forasacco nel naso:

Il forasacco nel naso è la situazione più insidiosa. La maggior parte dei veterinari proveranno a toglierlo servendosi di un otoscopio e di pinze. Questo sistema è abbastanza arretrato anche se economico e veloce. Purtroppo si riescono a estrarre solo i forasacchi che si sono fermati nella prima parte della canna nasale ma quelli che sono finiti in fondo è impossibile raggiungerli. In questo caso ci vuole la rinoscopia (procedura elettiva perché controlla a fondo le cavità nasali e arriva ad esplorarle tutte escludendo l’ipotesi che il forasacco ci sia ma non lo si sia trovato come spesso succede con l’altro metodo).

 

Forasacco nei polmoni:

Per quanto riguarda il forasacco nei polmoni voi vi accorgerete solo che il cane respira male, ha tosse, febbre, inappetente, a volte invece non ci sono sintomi, e il forasacco passa attraverso il polmone. Per il principio che va sempre avanti scava un tunnel (tragitto fistoloso) e arriva nel sottocute dietro il costato dove formerà una sacca di pus.

 

In questi due casi è sempre necessaria una tac per identificare il tragitto e dove si trova il forasacco per poi fare un intervento chirurgico mirato.

Vi dico già che non sarà una passeggiata.

Nel caso si debba intervenire sul polmone probabilmente il vostro cane partirà già da una situazione di polmonite e affrontare un intervento di quel tipo sarà un iter lungo. Probabilmente asporteranno un lobo del polmone in toto e metteranno dei drenaggi, quindi resterà ricoverato per giorni. Se tutto va bene però il recupero è completo.

Nel caso dell’ascesso sottocutaneo la ricerca del corpo estraneo per via chirurgica non è una passeggiata, se non si trovano tutti i frammenti del forasacco (che nel frattempo è stato macerato dal corpo) potrebbe recidivare.

L’unico consiglio che posso darvi è affidarvi a un chirurgo di grande esperienza e nel caso del torace a una clinica con anestesista e terapia intensiva.

Spero che queste informazioni vi possano essere utili! Se l’articolo vi è piaciuto condividetelo e lasciate un “Mi piace”!

Ricordate che mi trovate sempre sulla pagina Facebook Amica Veterinaria dove potrete essere sempre aggiornati sui nuovi articoli che pubblico e casi clinici particolari! Sulla pagina mi trovate anche  per rispondere quasi istantaneamente alle vostre domande!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.